Salernoir, appunti di morte e d’amore

di Manuel Mascolo

«Hanno trovato il corpo di una ragazza» risponde secco.
Ed ecco la paura farsi strada dalle viscere. Ingoio un litro di
saliva e chiedo:
«Chi è? È stata riconosciuta?»
«Dovrebbe trattarsi di una certa Chiara…»
Non gli faccio finire nemmeno la frase: «Voglio vederla!»
«No! E comunque non ti conviene ragazzo, non sarebbe un bello
spettacolo.»
«Perché?»
«Te l’ho detto: è stato trovato il corpo, solo il corpo… la testa se
la sono portata via!»

Ogni città nasconde qualcosa, angoli bui, ombre e misteri.
In questa cupa realtà è catapultato, suo malgrado, il giovane James Morra, che per caso o per fatalità si ritrova ad indagare su alcuni misteriosi omicidi.
Le sue avventure, o meglio, disavventure, lo porteranno pian piano ad intraprendere la carriera di investigatore privato, seppur non ufficialmente, e il suo passato, le sue amicizie, i luoghi e le compagnie frequentate, lo aiuteranno a muoversi in questo mondo crudele e misterioso.
Come un moderno Philip Marlowe, di certo meno famoso e accattivante e dai tratti più giovani e rock, James si farà strada tra serial killer, ladri e rapitori.
Tra locali, musica, sparizioni, indizi e tracce da seguire, James capirà a sue spese che anche nella sua bella città si cela un inferno.
Saprà trovare uno spiraglio di luce in mezzo alle ombre che avvolgono quelle strade?
Salerno ha dei segreti.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Salernoir, appunti di morte e d’amore”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *